Cantucci sani ma non troppo

Come nascono questi cantucci? Prendete una ricetta di molto sana, triplicate (per errore) la quantità di malto, e… incredibile risultato! dei biscotti apprezzati anche da chi è abituato a zucchero, farina 00, burro e uova! 😀 Altro vantaggio: sono davvero semplici e veloci da preparare. Grazie mille a Nicoletta a cui va il merito di questa scoperta.
  • 250g farina semintegrale (tipo 2)
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 100g di mandorle
  • 50g (1/3 tazza) di olio di mais (o di girasole deodorato)
  • 180g di malto di mais, o di riso, o di grano (è tanto, si può ridurre se non è per gente assuefatta al dolce)
  • 50g uvetta (meglio se piccola, eventualmente ammollata 10 minuti in acqua calda)

Mescolare bene farina, sale e lievito e separatamente gli ingredienti liquidi, unire il tutto e impastare (deve venire una specie di pasta frolla soda; se necessario si può aggiungere un po’ di succo di mela), aggiungere l’uvetta e le mandorle tagliate grossolanamente. Formare 3 salamotti e schiacciarli leggermente; infornare a 180° per 15 minuti, poi toglierli dal forno e tagliarli in diagonale dandogli la classica forma del cantuccio, rimetterli in forno, spegnerlo, e lasciarli lì a tostare (controllare dopo 5 minuti – anche se il forno è spento si rischia di bruciarli!).

Lascia un commento